ROMA
Database of ca. 30 Tennis Courts in Rome (c. 1500-1800), Text in English and in Italian

« Gioco della Pallacorda/ della Racchetta/ della Pilotta »

Introduction

Below follows a description of the Palazzo Barberini tennis court, built in c. 1626: Descrizione della pallacorda (« sferisterio »),
Girolamo Tezi, Aedes Barberinae, 1642, p. 233 (Translation from Latin: Lucia Faedo): :... ma ecco siamo gia arrivati allo sferisterio (= gioco della pallacorda), costruito con grandissima perizia e raffinatezza in piccoli mattoni: un balcone incombe all'interno dalla parte della facciata e nel mezzo, sia a destra che a sinistra, e appesa una rete a breve distanza del suolo. Qui si gioca con una palla imbottita di pezzetti di lana, avvolta in forma sferica e cucita di punta con forza con filo resistente, e con una racchetta (“reticolo”) intrecciata di nervi, con maglie molto stretto. Qui i Principi hanno un' appropriata occasione di esercizio, ammirerai di quando in quando i nobili giocatori, mentre uno lancia la palla verso la tavola (o tetto), l'altro la recupera, e quella colpita di qua e di la vola velocemente aldila dell’ ostacolo, finche o si fermi, spinta a terra, o non sia altrimenti recuperata o, battuto violentemente lontano dalle pareti, rimbalzando una volta sola schizzi al di la della linea. Di tanto in tanto in una gara cosi lunga ammirerai sempre di piu riposare un po' ogni volta che ha giocato, fintanto che il corpo asciughi il sudore e si ristori dalla stanchezza: dallo stesso luogo, appena riprese le forze, si reca a palazzo attraverso i giardini, piacevolmente selvagi. (Rough translation: The court is constructed with great skill and sophistication. Here the pallacorda game is played with a ball that is stuffed with bits of wool, the players use rackets with twisted strings, which are tightly strung. Here the princes have a proper opportunity to exercise the ball game, and occasionally admire the noblemen when they aim the balls along the penthouses on the side. A rally develops as the ball ricochets off the walls and is returned across the net by the opponent. Having played a vigorous game of pallacorda the player returns to the palace totally refreshed, in spite of all the exertions).

Palazzo Barberini, with tennis court (‘sferisterio’), no. 5. G.B. Falda, Pianta di Roma, c. 1675.

Tennis Courts Linked to Palaces (in chronological order)

1.Palazzo Vaticano

The tennis court: first record in the conti di camera of 1551 for work undertaken by a carpenter at the Vatican’s famous Belvedere courtyard: “coritore di Belvedere per farci il giuoco della palla della corda per uso del revine Monti [sic] e vasi grandi da fiori messi sulla terrazzo dal corridore stesso ..”: Rodolfo Lanciani, Storia degli scavi di Roma e notizie, ecc. (1550-1565) , Vol. III, Rome 1908, p. 38. The account records the erection of the wooden galleries alongside the tennis court, which was destined for the new pope, Giulio III del Monte (1550-1555). Situated near the private apartments this Pope Julius III had constructed: “due stanzie in cima della lumaga che cala al gioco della palla, un altra stantia a metà la lumaga che val al Gioco della Palla”: according to Tasso, who stayed at the Vatican in 1593 (Prinzivalli , Torquato Tasso a Roma, 1895), it was apparently situated at a lower level than the pope’s private apartments. In a description of the Stanza della Cleopatra there is mention of seven statues in a niche linked to the tennis court: “nella nicchia attacata al gioco della palla” (Museo nazionale romano, Vol. I, Part IV, 1979, p. 36). More specific is a description of a visit to the Vatican’s Belvedere, which indicates that the tennis court was apparently linked to a series of eleven private rooms: “si raggiungeva il corridoio del Belvedere qui era un appartamento di undici stanze, padronali e di servizio, detto il gioco della Palla” (Antonio Menniti Ippolito, I Papi al Quirinale: il sovrano pontefice e la ricerca di una residenza, 2004, p. 180).

Vatican Palace, Plan. The rectangular shape of the Vatican tennis court can be identified
in this early 18th-century plan of the palace, showing the ‘Cortile delle Statue’ on the left and
the ‘Scala di Bramante’ on the right, situated near the end of the right Belvedere ‘corridore’.
The Cleopatra fountain was in a large room at the end of that corridor.
Plan, London, British Museum, King's Library, 75K, I.

The term lumaga (also “lumaca”) in Tasso’s description helps us in identifying the location of the Belvedere tennis court. A “lumaga” is the historical term for a spiral staircase. One such stairway at the Vatican palace stands out, the (still existing) “scala di Bramante” at the end of the Belvedere’s corridor. An early eighteenth-century plan of the Belvedere shows how the Ariadne fountain is situated inside the Stanza della Cleopatra. Julius III’s tennis court must have been located immediately below the room, making it possible for the water from the fountain to run towards the tennis court below, as described by Aldovrandi in 1556.

The last stretch of Bramante’s Belvedere Corridor on the right. The former Vatican tennis court
can be recognized in the building (with the two high windows) topping the corridor.
Photo taken from the Courtyard of the Pine Cone.

Vaticano, Cortile del Belvedere: An earlier tennis court : from Marino Sanudo’s diary, describing that he had seen cardinals playing, wielding their racket (1525-1530): “Se disnò, se levò e se andò in uno luoco da giocar al balla. Cesare con li reverendissimi cardinali con le rachete in mano, e cosi si chiamo alcune rede di corda da giocar, stavan a veder alcuni signori che giocava’ (apparently an open tennis court), fonte : Dizionario della Lingua italiana, sul « racchetta » : Diarii di Marino Sanudo (LIII), p. 106.

Palazzo del Quirinale, now the residence of Italy’s President.

2. Palazzo del Quirinale

The papal residence Palazzo del Quirinale possessed at least two tennis courts, apparently even three, but probably not simultaneously. Primo Gioco di Palla: per Cardinale Ippolito II d’Este (ca. 1566) che usava il Quirinale come la sua vigna. Nel 1624 Cesare d’Este vende per 12.500 scudi alla Camera Apostolica il giardino, con casino e proprieta del gioco di palla, vede pianta del palazzo, con «gioco di palla » (Biblioteca Stockholm, 1625).
Secondo Gioco: construzione dal 1625, fino al 1627 cominciando dal M.O. incontro il gioco della palla, verso il Palazzo di S.ta Susanna: Archivio di Stato di Roma, Camerale I, Giustificazioni di Tesoreria, b. 1545, c.54. Busta : 690. 49. Gioco di Palla a Corda: Spesa fatta per Papa Urbano VIII per la fabrica di Monte Cavallo, agosto 1627. Source : Paola Zampa, «Il complesso del Quirinale di Urbano VIII», I Barberini, convegno, pp. 501-512, p. 501, 509. This tennis court was built for the new Pope Urban VIII (1623-1644, Maffeo Barberini), at about the same time the pallacorda was constructed at the family palace Palazzo Barberini (see introduction to this overview).
Terzo Gioco: Don Mario Chigi, brother of pope Alexander VII, (Fabio Chigi, 1655-1667), was apparently involved in establishing a pallacorda at the Quirinale, to be built at the request of the Legazione di Svezia in c. 1660: source: La Lettura, Vol. 1, p. 404 and 450.

Palazzo Quirinale’s Sala dei Corazzieri.

To conclude, an allusion to a Quirinale hall as a makeshift tennis court used by a twentieth-century queen: « nel prima parte del Novecento la regina Elena del Montenegro (1873-1952) giocava alla palla nella Sala dei Corazzieri » (fonte, Carlo Cresti, Ville e palazzi di Roma, Udine 1998, p. 226).

Palazzo Firenze in Campo Marzio.

3. Palazzo Firenze in Campo Marzio

According to contemporary news reports it was the tennis court near Palazzo Firenze on which Caravagggio played his famous tennis match in 1606 when he killed his opponent Ranuccio Tomassoni. But at the time it was not owned by the Medici, as will be discussed in a separate section later.
Maria Giulia Aurigemma, in her Palazzo Firenze in Campo Marzio (pp. 145-146), points out that young Ferdinando de’ Medici (1549-1609) aimed to make the construction of the tennis court a prestige project with the Medici’s rivals, the Farnese. The cardinal wished to outshine the pallacorda Cardinal Alessandro Farnese had projected for the Palazzo Farnese in Caprarola which was designed by Vignola and built between 1569-1570. In a letter of 30 January 1569 which Francesco de’ Medici wrote to Ferdinando, he warns his brother that he should take into account that he needs to refrain from playing tennis too vigorously on his court because the Roman air differs considerably from what he is used to in Florence. There is mention of a model for an existing Medici tennis court, probably in Florence, with a reference to their father Cosimo’s wooden model for a ‘pallacorda alla francese’ which will be redesigned. Francesco also added his views on how long construction might take: “you can realize the project in one, rather than the two years you needed before”. Aurigemma also alludes to a private spiral staircase that led to a special gallery providing the spectators with a lofty view of play on the tennis court. From Aurigemma’s interpretations we can deduce how the new buildings were organized. The text suggests that the first new building was the ‘sala della pallacorda’ which gave the name to the street Via di Pallacorda. Aurigemma in her description of the Palazzo Firenze tennis court claims that Ferdinando did not merely have the pallacorda built for his personal use, but also for the courtiers. In her view the court was primarily constructed as a special meeting place for Rome’s elite and that it was destined to impress the city. In a note we find a technical detail of consequence, a payment for the pallacorda’s ‘tamburo’, i.e. a recently introduced feature of the larger type of tennis courts that originated from France. Hence the term ‘pallacorda alla francese’ for this larger category that came into vogue in the course of the sixteenth century when rackets became more refined and the players required a larger scope for their strokes.

Palazzo Altemps, now Museo Nazionale Romano.

4. Palazzo Altemps

Palazzo Altemps (now a museum), near Piazza Navona, possessed a tennis court as early as 1576, as can be concluded from this testimony of Carlo Borromeo playing there: Da Canneto si scriveva (1576): « A Mantova che non si intendeva di proibire ai giovani di quella terra il gioco della palla come passatempo: «secondo il concetto del Cardinale Carlo Borromeo (...) che non voleva permettere questo gioco (...), ma che a Roma stessa vi fu sempre tollerato nel palazzo di Sua Santita (= Palazzo Altemps), dove era stato visto giocare alla palla il medesimo cardinale » (Fonte : AS Mantova, Archivio Gonzaga, busta 2599, lettere di 15 giugno 1576). A record of the court, situated on the Via di Gigli d’oro side of the palace: « Contiguo al Gioiello era il gioco della pallacorda, o viridario, lungo Via di Gigli d’oro ». Source: Francesco Scoppola, Palazzo Altemps: indagini per il restauro, 1987, p. 30, p. 132, nota, + p. 294: 1595, 6 scudi, « per le telari della porta del giuoco della palla, pagato a Antonio Viviani ».

Villa Medici, the tennis court could be found on the basement floor of the villa’s garden wing on the left.

5. Villa Medici

Il Gioco della Pallacorda fu costruito (1583-1584) all’ ala grande della villa, sotto la galleria antica, da Bartolomeo Ammannati, per incarico del cardinale Ferdinando de’ Medici. Dimensioni 20 x 6,5 metri (Philippe Morel, La Villa Medici : Le collezioni del Cardinale Ferdinando de’ Medici : I dipinti e le sculture, 2009, ‘Il gioco della Pallacorda’: p. 673) : Stato attuale: salone di cinema.

18th century garden view of the Palazzo Farnese tennis court (with the high ‘lunetta’ windows), on the left.
Palazzo Farnese’s Tennis Court, in Via dei Farnese, corner of Via Giulia, on the right.

6. Palazzo Farnese

Palazzo Farnese now houses the French Embassy. The first record of the Farnese tennis court is uncertain: « menzione d’un gioco della pallacorda nel giardino. 1589: Ampliamenti verso il giardino esterno, del architetto Vignola, commissioni del Cardinale Alessandro Farnese. Costruzione alla morte del Cardinale (1589), inventario, realizzazione di un collegamento tra la Sala della Pallacorda e la Chiesa di S. Maria dell’Orazione e Morte ». Visibile nell’incisione di A. Specchi, Il primo libro del nuovo teatro delli palazzi ... , (Roma 1699), pl. 8 (Fonte : C. L. Frommel, Der Romische Palastbau der Hochrenaissance , Vol. II, p. 117). André Chastel scrive : « Cardinale Odoardo Farnese a la reputation d’être un hôte accueillant, par exemple pour les cardinaux qui viennent profiter de son jeu de « pallacorda » : Les Caracces et les decors profanes , Rome, 1988, p. 212. Between 1697-1719 the « gioco di pallacorda » was used as an atelier by the French sculptor Pierre Legros. Stato attuale: salone di cinema, dimensioni: ca. 26 x 8.5 m..

Palazzo Colonna, from the Via della Pilotta, with a view of the former tennis court, now private apartments.

7. Palazzo Colonna

Palazzo Colonna apparently had two tennis courts, but probably not simultaneously. The names of the road and square alongside the palace, Via della Pilotta and Piazza della Pilotta, derive from these tennis courts. Christina Strunck nel suo libro sulla Galleria Colonna e Bernini (Hirmer, 2007) ha incluso una pianta (fino novecento, Archivio Colonna) del palazzo con “l’antica sala della pallacorda” (no. 21) nell’ala presso la piazza della Pilotta. Secondo Strunck questa sala fu usato come un teatro nel 1609, ma anche per il gioco della pallacorda. Nel c. 1686 fu transformato in un teatro privato stabile per Cardinale Lorenzo Onofrio Colonna. Probabilmente nel 1610 fu costruito un altro « gioco della pilotta » (= Gioco della Pallacorda) presso il Palazzo Colonna, alla chiusura della Via della Pilotta: su ordine di Marco Antonio Colonna, per il Cardinale Ferdinando Gonzaga: “Ho inteso dall’Aragatino, mio segretario, quanto disegna di fare vostra signoria illustrissima intorno al chiudere con due cancelli la strada tra cotesto palazzo et il giardino, che essendo di utilità et gusto di lei e d’altri signori per ricreatione del giuoco della palla”. Source: Barbara Furlotti, Le collezioni Gonzaga:Il carteggio tra Roma e Mantova (1587-1612) , 2003, p. 571. In the same year 1610 Cardinal Ferdinando Gonzaga invited the cardinals Luigi Capponi and Silvestro Aldobrandini “a giocare a pallacorda nel gioco ch’è nel palazzo di Sua Signoria Ill.ma” and afterwards invited the cardinals for lunch in his private rooms. The architect Antonio Del Grande carried out renovations at the palace in the 1650s, the pallacorda being mentioned frequently: Luca Maggi, Antonio Del Grande, p. 50, 57, 60. Stato attuale, distrutto, ora , sala originale usate come appartamenti private.

Palazzo Pallavicini Rospigliosi, opposite Palazzo del Quirinale.

8. Palazzo Rospigliosi (ora Pallavicini Rospigliosi, ca. 1611)

Il Palazzo Rospigliosi nel Seicento possedeva « un grande gioco della palla in volta grande», iniziato per Cardinale Scipione Borghese in 1611-1612, ma forse non finito (Fonte, Patricia Waddy, in Daniela di Castro (ed.), Palazzo Pallavicini Rospigliosi e la Galleria Pallavicini, p. 208, fig. 3a, e pp. 212-213). When later Cardinal Guido Bentivoglio used the palace as his residence one of its three courtyards was used as a ‘giuoco della pilotta’: Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastico, Vol. XXXI, Venice, 1845, p.185. La presenza della Pietà di Michelangelo, collocata in una nicchia del cortile del « Gioco della palla » (F.C.C. A. G. fascicolo 96, Misura e stima di Matteo Gorini del 12 aprile 1628 : « Lorenzo Azzolino e Giovan Battista Marino, amici di Andrea Boscoli, Paragone, LVII, No. 681, novembre 2006, p. 43).


9. Palazzo Borghese (1613)
Plan of Borghese Palace, with tennis court (A21), with dressing room (A20) and spectator gallery (A22).

Palazzo Borghese, view of the Ripetta wing.

In 1613 a tennis court was built in the Ripetta wing of Palazzo Borghese, for Scipione and /or his cousin Marcantonio Borghese. Dimensions: c. 24 x 8 metres. The court was adjoined by a dressing room, and on the second floor by a spectator gallery: ‘Con stanza per spettatori : « Per la mettitura della ramata alla finestra che dalla stanza sopra lo spogliatore guarda nel gioco con la fattura del ponte per mettere detta ramata ». Stato attuale: ufficio. Source: Patricia Waddy, Seventeenth Century Roman Palaces, 1990, pp. 54-55.

Palazzo Sforza Cesarini in Vincolo.

10. Palazzo Sforza Cesarini in Vincolo (anterior’all 1616)

Giovanni Battista Crescenzi rented Palazzo Sforza Cesarini from Virginio Cesarini from 1616-1623, including « giardino e giuoco di Pallacorda, per annui scudi 300 », after which Duca Giovanni Giorgio (son of Giuliano Cesarini and Livia Orsini Caetani) sold the palace for 12,500 scudi to Giovanni Pizzulo, sacerdote Calabrese: Niccola Ratti, La famiglia Sforza, Vol II, 1795, p. 292. Il Palazzo e il giardino (non più esistente) ospitarono illustri personaggi tra cui Torquato Tasso e il Cardinale Ferdinando de‘ Medici, invitate da Giovan Giorgio Cesarini (1550-1585), sposa Clelia Farnese (1556-ca. 1613), figlia del Cardinale Alessandro Farnese (1530-1589): Patrizia Rosini, Il Giardino di Palazzo Cesarini a Roma in un documento del 1622, 2010.


Palazzo Montegiordano.

11. Palazzo Montegiordano (now Palazzo Tanari)

There may have been a tennis court at Palazzo Montegiordano when Paolo Giordano Orsini used the palace as his Roman residence (1572-1593). The first official record of the ‘gioco di palla’ is of the seventeenth century: « Nel perimentro del monte si addossano ai palazzi Orsini altre costruzioni, di qui la più importante è il Palazzo Tanari in via della Vetrina (No. 19), costruito sull’area di uno dei giardini di Monterotondo, il « Sito di Gioco di Palla, grotte e giardino» : Dalma Frascarelli, Laura Testa, La casa dell’eretico, 2004, p. 83. A more precise date can be found in the 1609 inventory of Palazzo Montegiordano, which appears to allude to the pallacorda’s spectator gallery: Archivio Storico Capitolino, Archivio Orsini, serie II, 1228, inventario di Montegiordano 1609, c. 22 : « nella stanza del cortile sotto al tetto dove si gioca alla palla ». I am indebted to Gwen Ajello for this record.


Casino Ludovisi, with the tennis court on the right. We may recognize the tennis court on the right, the rectangular building with the high windows. G.B. Falda, Pianta di Roma, 1675.

12. Villa Ludovisi (anterior’all 1621)

This palace near the Porta Pinciana was built for Cardinal Francesco Maria del Monte, Caravaggio’s first patron and mentor. The Casino dell’Aurora is the only building that survives from the extensive country retreat. Caravaggio made a fresco for the Cardinal, for the ceiling of this casino. In 1621 Del Monte sold the villa to Cardinal Ludovico Ludovisi. Whether the villa’s tennis already existed during Del Monte’s residence is not known. We only possess the text of a 1623 inventory of the Villa which mentions the Pallacorda : « La Pallacorda, con la Loggia della Pallacorda, fino al ucelliera, nel giardino ultimo, anche ventio statue» (Memoires, Société nationale des antiquaires de France, Vol. 53, 1893, p. 178, 179, 191).


Palazzo Barberini.

13.Palazzo Barberini (1626-1627)

For this famous tennis court, see the introductory text above. The Barberini collection of tennis art reflects their lively interest in the game. Maffeo and his elder brother Carlo’s three sons Francesco, Taddeo and Antonio accumulated at least six tennis-related pieces of art. Their passion is rooted firmly; Carlo and his younger brother Nicoló being depicted with a racket and a ball as young boys. The portraits demonstrate that the practice of tennis was considered a beneficial physical exercise by the Barberini in the education of young noblemen. Two painters from the Barberini closest circle of artists, Guercino and Andrea Camassei, were commissioned to produce putti with rackets paintings, again a theme that served educational qualities. Another tennis portrait that features in the Barberini inventories is a painting by Dosso Dossi (1486-1542), showing an unidentified young man with a racket. One more testimony of the Barberini’s passion for tennis art is a statue of a classical ball player, with drapery and wielding a wooden stick (“Bastone”) to strike the ball. For Carlo’s tennis portrait see the imposing volume with conference papers: I Barberini e la cultura europea del Seicento: Plate III. The accompanying text reads: “Santi di Tito (1536-1603), Ritratto di Carlo Barberini, adolescente, 1580-1585 ca. Oil on canvas. Roma, collezione Barberini. Inedito”. For Nicoló’s tennis portrait: Marilyn Aronberg Lavin, Seventeenth-Century Barberini Documents and Inventories of Art, New York 1975, p. 279: Inventory of Prince Maffeo Barberini, 1655, No. 307. For Camassei: Ibidem, p. 383: Inventory of Prince Maffeo Barberini, after death of Cardinal Antonio in 1672, No.502.


Plan of Palazzo Orsini near Campo de’ Fiori. The tennis court is probably the space indicated by the letter E.

14. Palazzo Condulmer-Orsini-Pio (anterior all’1627)

A late seventeenth century plan of Palazzo Orsini shows what probably was the pallacorda that was recorded in archival documents. The “bel gioco della palla a corda” flanked the Via dei Gubbonari. The reference to a palla corda is in a document in the archivio Orsini at Archivio Storico Capitolino: Orsini, II. A. 49.29. It is a description of the palazzo written by the house architect Orazio Torriani, which is undated, but must be between 1645-1652. It says: "Vi sono al piano terreno remesse di carozze con tinello per mettere vini per l'inverno, et vi sono grotte bonissime per tenere li vini l'estate, vi è la stanzia per la dispensa e mezanini, e stanzie fatte a volta per il S. Maestro di Casa con scale a parte, vi è al piano del cortile il sito de un bel gioco a palla a corda che hoggi se ne servono per tenelli e per remesse di carozze, vi sono diverse cantine bonissime per remettere legnia, e vini l'inverno”. Source: Guendalina Ajello Mahler, "Afterlives: The Reuse, Adaptation and Transformation of Rome’s Ancient Theaters," Ph.D. Diss, Institute of Fine Arts, NYU, 2012, p. 287.


Palazzo Strozzi.

15. Palazzo Strozzi (anterior all’1636)

This palace is situated on Largo di Torre Argentina, 11. It possessed a tennis court in the 1630s: “Palazzo abitato dall’marchese Giovanni Battista Strozzi, con giuoco della palla a corda” (Vincenzio Talenti, Vita del beato Giuseppe Calasanzio, Roma, 1753, p. 285). Before it became the residence of the Marchese Strozzi, the palace was known as Palazzo Olgiati. Now it houses the Fondazione Marco Besso.


Palazzo della Cancelleria.

16. Palazzo della Cancelleria (prima del 1640)

This ‘Palace of the Chancellery’ on the Corso Vittorio Emanuele II is regarded as the earliest Renaissance palace of Rome and is designated as a World Heritage Site. In the late seventeenth century Cardinal Pietro Ottoboni had the palace’s pallacorda converted into theatre. It is doubtful that this is the same tennis court as we can see in a plan of the Cancelleria palace of c. 1640, which was located in the gardens.

Plan of Palazzo della Cancelleria, with the tennis court laid out in the gardens, including the spectator gallery at the top of a spiral staircase (plan preserved in the Bibl. Arch. Vat., Barb. Lat. 4400, fol. 4).

Questo palazzo aveva un «Gioco di Pallacorda », visibile nella pianta (c. 1640) del palazzo. Il Gioco era collegato al palazzo, nell’ ala di giardino. Stato attuale: distrutto. Fonte: pianta nella Per la festa di Lorenzo fece eseguire una sinfonia nella sala della pallacorda del Palazzo della Cancelleria: Nicolo Maccavinò, La Serenata tra Seicento e Settecento. Musica, poesia, scenotecnica, 2007, p. 404. In 1690 a ‘stanza della Palla Corda’ was used as the theatre’s ‘vestiaria’: Teresa Chirico; ‘Una Vesta Larga […] tutta piena di merletto d’oro. Documenti inediti su costume di allestimenti teatrali promossi a Roma dal Cardinale Pietro Ottoboni’, in Fashioning Opera and Musical Theatre: Stage Costumes from the Late Renaissance to 1900, Venice, 2014, note 28.


17. Pallacorda d’Alibert (c. 1666-1719, dopo Teatro d’Alibert)

When the French nobleman Jacques (Giacomo) d’Alibert (1626-1713) moved from Orléans to Rome in 1661, he soon became one of its most notable citizens. He became closely involved in the planning of Rome’s first public theatre, il Teatro Torre di Nonna, expressly made for Queen Christina of Sweden for whom d’Alibert worked as secretary and impresario. Only a few years after he had settled in Rome, d’Alibert had a tennis court built which was later converted into a theatre (‘Teatro d’Alibert’, then ‘Teatro delle Dame’) by Giacomo’s son (1716). It was situated at the corner of the (now) Via Alibert/ Via Margutta and nowadays serves as a (Forte) hotel. Da c.1666-1716 destinato al gioco della pallacorda per il conte Giacomo Alibert (Jacques II d’Alibert). Era situato al Vicolo Alibert d’oggi, terzo edificio nello vicolo. Giacomo Magiore, Francese, tiene il gioco di pallacorda. Nel 1716: concessione a Antonio Alibert per fatto demolire il gioco della pallacorda per la construzione del teatro: Maria Grazia Pastura (ed.), Il Teatro a Roma nel Settecento, Vol. II, 1989, p. 514.



Palazzo Doria Pamphilj (Wikipedia)

18. Palazzo Doria Pamphilj (anterior’all 1680)

The palace is now a museum, along the Via del Corso, near Piazza Venezia. When the palace’s tennis court was constructed is inconclusive, but it may have been by one of the most dedicated aristocratic players of the time.
Cardinal Benedetto Pamphilj was a particularly keen tennis patron. He was the son of Camillo Camillo Pamphilj (the nephew of Pope Innocent X) and Olimpia Aldobrandini. He started his patronage immediately after he was elevated as cardinal in 1681, at a time when interest in tennis was on the decline. The tennis court’s exact location is still a mystery, but it is possible that the ‘Salone Poussin’ served the purpose In Cardinal Benedetto’s time. The tennis court is mentioned in an inventory of c. 1581: «Un Cammerone per gioco di Pallacorda in volta grande ». L’inventario del piano terreno ricorda altri due grandi ambienti dei Saloni Aldobrandi. Il Gioco di Pallacorda fu construito su ordine del Cardinale Benedetto Pamphilj (1653-1730). Stato attuale: Salone Poussin (?), notizie di dott.ssa Alessandra Mercantini. Fonte : Lina Montalto, Un Mecenate in Roma Barocca. Il Cardinale Benedetto Pamphilj 1653-1730, Firenze 1955, p. 36, 112-113.




19. Gran Priorato all’Aventino (anterior’all 1680)

C ardinal Benedetto Pamphilj served the Church as Grand Prior of the Knights of Malta. The Roman residence of the Grand Master of Malta featured a tennis court. Its date of construction is obscure, but it was during Benedetto’s residence that the architect Matthia’ de Rossi transformed a barn and (part of?) the stables into a ‘Gioco di Pallacorda’. The Gran Priorato villa in the Aventine hill was often used for large receptions and cultural meetings in the late seventeenth century. There are records of tennis matches played here in the 1680s. Horazio, a pallacorda professional who apparently worked at a public pallacorda court that was linked to a tavern in Rome’s Vicolo del Fico (will be discussed below in the Public Tennis Court section of this database) furnished the rackets and a variety of balls that were used for competitions played at the villa by princes, cardinals, and ambassadors. We again quote from Lina Montalto’s biography of the cardinal. « Questa villa di Cardinale Benedetto Pamphilj aveva un gioco della pallacorda, basato sui fatti seguiti: Quando Benedetto divenuta Priore dei Cavalieri di Malta, l’architetto ha trasformato stalle e rimesse in Gioco di Pallacorda (circa 1680). Altri riferimenti: « I giocatori solevano servirsi specialmente da Horatio, pallacordaro al Fico, che nell’agosto 1680 vende quattro racchette e otto palle volanti alias grilli, da portare, per ordine del Maestro di Casa, al Gran Priorato sull’ Aventino (...). Nelle gaie comitive di quei lontani giocatori, accanto a principi, cardinali, ambasciatori (...). Quando nell’april del 1681 fervono i preparativi per la rappresentazione al Priorato dell’ Oratorio di Abel, libretto del cardinale Pamphilj, musica del suo Maestro di Capella Alessandro Melani – vengono inviati sull’Aventino non solo cembali e violoni, ma palle da balestra che in numero di cinquecento fornisce per divertimento di tutta la compagnia – Domenico Giaccio pallonaro o pallacordaro all’Antoniana ». Nel 1684 presso lo stesso Giaccio vengono aquistate altre «palle da giocare al Anca ... palle ricoperte ... palle toste fatte a tutto punto ... palle leggere ». Altre palle da balestra sono acquistate nel 1685 dal conte Saracinelli, uno dei gentlhuomini al seguito del cardinale. Nel 1687 e negli anni succesivi si fanno sempre piu numerosi acquisti di materiale che il pallacordaro invia direttamente al palazzo, sebbene asai speso Sua Eminenza si rechi coi suoi amici a giocare all’Antoniana pagando al pallacordaro due piastre per volta »: Lina Montalto, Il Cardinale Benedetto Pamphili (1653-1730), 1955, p. 112-113, p. 348.




20. Palazzo Doria Pamphilj (anterior’all 1680)

The villa, located in Trastevere, was the property of the Barberini family from the mid-seventeenth century. Source: Carla Benocci, reference to the Villa Sciarra tennis court in her Villa Ludovisi, 2010, p. 160.


Public Tennis Courts (Where Caravaggio and his friends played)

The original tennis court building after it was converted into a theatre: Teatro Metastasio

1. The Neri Court in Via di Pallacorda, see also Aristocratic Tennis Courts, No. 3

Constructed, or more likely, renovated in 1604 for Gabriel Cremona e Faustina Neri: « Ab anno 1604 situs de quo agitur era pro usu vulgò Pallacordi, Aprilis 1604, D. Gabriel Cremona e D. Faustinam Neream scut. 4200 Capitalis matrimonialibus. Scut. 4000 D. Franciscus e dicto D. Gabrielli unam Domum Sivè locum circumcirca muratum e coopertum ad usum ludi pilae, e ditto ludo positas in regione Campi Martii è conspectus Palatii vulgaritèr nuncupato de Medici, cui ante est via seu Vicus …. In questa Pallacorda Caravaggio uccideva (1606) Ranuccio Tomassoni dopo un gioco di pallacorda. Dall’ 1604-1714 destinato al gioco della pallacorda. Descrizione dell’11 May 1652, similiter d(ict)o Anno 1652 (infrascript): Domus ut dicitur ad usum da giocare à Pallacorda, cum omnibus illius membris …. Devono detti siti composti di Muraglie Nude, Tetto e pavimento con vari finestroni per dar lume, con esservi Finestroni tirate de Reti a Livello de Muri, acciò la Palla no fa fuori del Sito, ne le Tavole che chiudono: Building for the game of Pallacorda, with all its adjacent buildings, its walls, roof and tiled floor, with various windows providing natural light, in front of which nets are suspended to prevent the ball from flying outside, and its penthouses.
Dal 1715, Teatro Pallacorda: fu ceduto dall’illustrissima Barbara Orsini, a sua volta cessionaria del figlio Pietro Cremona (1686), al Convento di Gesù e altri creditori del patrimonio Orsini-Cremona. “.. dove ora è fabricato il Teatro della Pallacorda in Campo Marzo, nel quale prima che vi fabricasse il Teatro era ad uso di gioco di Pallacorda, quale edificazione di Teatro segue negl’anni 1713 o 1714, e sopra di ciò possiamo deporre avendo premisa memoria di quanto attestiamo che mentre detto sito era ad uso di Pallacorda continuamente alla Palla, era un sito nudo composto di solo muraglie pavimento e tetto, e il lume lo riceveva ditto sito da molti finestroni a livello delle muraglie ci erano tirati le reti ad effetto a impedire che le Palle non uscissero fuori (…) come era solito in tutti gl’altri simili siti destinati a gioco di palla, mentre il sito dove si fa tal gioco deve essere libero da ogni impedimento si de tavole di finestre, riseche di muri e qual siroglie altra cosa che possa impedire il libero corso del gioco della Palla …. Nel 1715 si inaugura il teatro in legno, affitto per tre anni a Sebastiano Vaselli e Filippo Garafelli. 1729: supplica dei proprietari del Pallacorda (i Padri di Gesu e la confraternita ‘della Morte ed Orazione’) chiedono al papa l’autorizzazione per fare tutte le riparazione necessarie per l‘ àgibilità del teatro. Costò 500 scudi. 1731 usato come pallacorda e come teatro. Teatro stabile importante 1754-1841. Fu ricostruito nel 1841 dall’architetto Nicola Carnevali, con il nome di Teatro Metastasio. Situato nel Via Omonia, pressi di Piazza Firenze. Stato attuale: garage alla Via di Pallacorda (Fonte: Silvia Carandini, Maria Grazia Pastura)


2.Gioco della Palla al Vicolo de Pantani

Onorio Longhi saw Ranuccio Tomassoni playing tennis at the « gioco della palla » at Vicolo de Pantani in 1600. Era il stesso come un teatro nel luogo ancor oggi detto « Arco dei Pantani ». Furono commedie nei due teatri nell’1699, del Fico (vede 4) e ai Pantani (Saverio Franchi p. XCIV).


3. « Gioco della palla di franzesi » a Santa Lucia della Tinta

Onorio Longhi was involved in a tennis game that culminated in a fight, in « 1600 in cui Onorio Longhi aveva assistito alla «disfida di duoi scremitori [schermitori]» in un campo da «gioco della palla di franzesi» a Santa Lucia della Tinta. This court was also later converted into a small theatre: ‘In locali adibiti a magazzini di proprietà del cardinal Pier Luigi Carafa (1677-1755), il commerciante Antonio Teodoro da Cascia creò un teatro nella Pallacorda nell’1709, uno dei due magazine era coperto, l’altro scoperto’: ASR, TNC, uff. 17, Vol. 285, 15-6-1709 (Saverio Franchi p. CI). “Il teatro ad uso di commedie che oggi ritrova nella Palla a Corda vicino Santa Lucia della Tinta”, 21 luglio 1712, Teatri di Roma del Seicento, pp.459-460.


4. Pallacorda al Fico,

Horatio, a pallacorda professional who probably worked at a tavern at Rome’s Vicolo del Fico (there is still a tavern at the same site), furnished the balls and rackets for competitions that were organized at the Priorato Villa (see, no. 19). In the eighteenth century the Fico tennis court was converted into a ‘Teatro delle Muse’: « Horatio, pallacordaro al Fico, che nell’agosto 1680 vende quattro racchette e otto palle volanti alias grilli, da portare, per ordine del Maestro di Casa, al Gran Priorato sull’ Aventino. Era una casa della famiglia de Cup(p)is. Fu una grande casa fra piazza Navona e via dell’Anime, che conserva ancora oggi. Il primo de Cupis nelle cronache del teatro musicale romane fu il gesuita Torquato de Cupis (1579-1657) chef u professore di filosofia al Collegio Romano. A Francesco de Cupis va attribuito l’allestimento di uno dei più famosi drammi musicali secenteschi, la Catena d’Adone, su poesia di Ottavio Tronsarelli e musica di Domenico Mazzocchi, rappresentato per sette volte nell’ 1626 nel Palazzo del marchese Evandro Conti a piazza Magnanapoli (l’attuale Palazzo Ceva). Per le scene Francesco de Cupis si servi del cavalier d’Arpone. Di Francesco de Cupis erano anche altre case in piazza del Fico, forse in esse un gioco di pallacorda fu trasformato in teatro (Saverio Franchi, LXIX-LXX). Ci sono documentate « balli in corda » nell’1706 e 1709, e « commedie all’improvviso » nell’1729. La Pallacorda al Fico era ancora attivo nell’Ottocento, aveva il nuovo nome di « Teatro delle Muse » (Franchi XCV). Oggi dovesse essere una taverna posta a Piazza o a Vicolo del Fico, vicini a Piazza Navona (Saverio Franchi). La Pallacorda al Fico (rione Ponte) era un teatro a partire almeno dal 1725 e per tutto il secolo: Fabrizio Aggarbati, l’Architettura dei teatri di Rome (1513-1981), 1987, p. 16.


Nederlandse Real Tennis Bond
//Statistieken